Perché Philip Morris vende ancora i pacchetti da dieci?

Caro Salvagente, ma la vendita dei pacchetti di sigarette da dieci non era stata abolita in Europa? Guardate cosa ho acquistato oggi, una novità prodotta da Philiip Morris che non mi pare rispetti la norma. Si tratta di sigarette, con tanto di filtro (e vi assicuro che il sapore è quello di una sigaretta, perfino più leggero di una comune bionda, ve lo dico da fumatore purtroppo ultradecennale), solo senza carta dato che il tabacco è avvolto da… tabacco. Ultima osservazione: Philip Morris non doveva abbandonare il mercato delle sigarette in favore di quello dei modelli a danno ridotto come la iQos?

Lazzaro Pratesi, Roma

 

Caro Lazzaro, partiamo dalla prima domanda: il tabacco avvolto dalla foglia (questa la traduzione di “Tobacco leaf wrapped” che appare sul fronte della scatola di cui ci ha inviato la foto) non è considerato dalla Philip Morris come una sigaretta ma come cigarillo, un piccolo sigaro e per questo è esentato dal divieto di vendita in pacchetti da dieci.

Un abile astuzia del big del tabacco? Un vuoto della legge comunitaria? Forse entrambi, dato che un fumatore come lei anche dopo averlo assaggiato lo ritiene assimilabile più a una sigaretta che a un sigaro.

Quanto alla svolta verso le sigarette elettroniche, ripetiamo quanto avevamo scritto l’1 dicembre 2016 quando l’amministratore delegato Andre Calantzopoulos alla Bbc annunciava che la multinazionale potrebbe abbandonare le sigarette tradizionali e spostare il suo business su quelle elettroniche. Non illudetevi, commentavamao all’epoca e ripetiamo oggi, l’addio sarà di quelli lunghi.