Energia e reclami, Eni e Engie maglia nera in Francia

Nelle controversie del settore energetico in Francia Eni e Engie (dal 2015 ha sostituito  GDF Suez) vincono la maglia nera. Il verdetto emerge dal rapporto annuale del Médiateur national de l’énergie, il Difensore civico nazionale del settore energetico al quale i consumatori possono segnalare irregolarità o disservizi nella fornitura di gas ed elettricità.

Eni, secondo quanto riporta il mensile dei consumatori Que Choisir, viene bocciato in particolar modo per i troppi problemi segnalati dai consumatori francesi nella fatturazione: in media secondo i dati dell’Ombudsman il Cane a sei zampe in fatto de controversie batte ogni record: 207 reclami presentati ogni 100mila contratti attivi. Total Spring ed Engie creano difficoltà ai loro utenti ma con tassi di controversie più bassi, rispettivamente di 89 e 85 ogni 100.000 clienti, mentre la media di mercato è solo di 56. Nello specifico Engie è stata segnalata più volte dagli utenti per le “pratiche di propaganda a domicilio” non corrette.