Greenpeace: ridurre il consumo di carne del 50% per tagliare i gas serra

Il mondo deve ridurre la produzione e il consumo di carne di oltre la metà entro il 2050 per raggiungere gli obiettivi climatici dell’accordo di Parigi e tagliare drasticamente i gas serra. Lo afferma il nuovo rapporto di Greenpeace nel quale si spiega che se l’agricoltura rimane nella sua tendenza attuale, produrrà il 52% delle emissioni globali di gas serra nei prossimi decenni, il 70% delle quali proviene dal settore carne e prodotti lattiero-caseari.

Tuttavia secondo Eurostat, come sottolinea Euractive, attualmente le emissioni di gas serra prodotte dall’agricoltura contribuiscono per il 10% alle emissioni totali di gas serra nell’Ue e ricorda che la nuova Pac, Politica agricola comunitaria, dal 2020 prevede una riduzione delle emissioni inquinanti.

“Allevamenti fonte anche di antibiotico-resistenza”

Ma per Greenpeace, le politiche agricole dell’a Ue non hanno favorito una “barriera ambientale” contro i cambiamenti climatici e hanno incentivato gli agricoltori alla produzione di piante, carne e latticini. Oltre a questo il rapporto di Greenpeace evidenzia anche il pericolo di resistenza antimicrobica a causa dell’allevamento intensivo di animali.
“Tra le nuove scoperte ci sono l’individuazione della resistenza ai carbapenemi nel pollame, un antibiotico che non è autorizzato per l’uso negli animali, e della Salmonella Kentucky che produce Esbl con elevata resistenza alla ciprofloxacina negli esseri umani, che è stata segnalata per la prima volta in quattro paesi “, afferma il rapporto.

Solo una diminuzione significativa del consumo di carne e latte ci consentirà di fornire un sistema alimentare adatto per il futuro, a beneficio degli esseri umani e del pianeta nel suo insieme “, ha commentato Pete Smith, ex autrice principale del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC).