Carboidrati raffinati e oli vegetali? Potrebbero essere la causa di molti disturbi psichiatrici

Un nordamericano su sei (avete capito bene, non è un errore) assume farmaci psichiatrici nel tentativo di gestire depressione, disturbo bipolare, schizofrenia. Di fronte a questi numeri è ovvio che negli Usa ci si chieda sempre più spesso come arginare questo tipo di patologie. In molte di queste, secondo gli esperti, l’infiammazione a livello microscopico delle cellule del cervello gioca un ruolo fondamentale. Quando le cellule sono in pericolo, rilasciano piccoli SOS, le “citochine infiammatorie” che possono essere misurate nel sangue. E ci sono diversi e convincenti indizi scientifici che collegano i disturbi psichiatrici all’infiammazione.

La domanda è: cosa causa l’infiammazione del cervello?

Georgia Ede, psichiatra appassionata della connessione tra cibo e salute del cervello, ha appena pubblicato sull’autorevole Psychology Today un articolo che apre una questione inquietante. La Ede, biologa e ricercatrice nei campi della biochimica oltre che psicofarmacologa dello staff presso i servizi sanitari dell’Università di Harvard dal 2007 al 2013, sostiene che il modo più efficace per correggere gli squilibri chimici nel cervello sia attraverso il cibo, perché è da lì che provengono le sostanze chimiche del cervello.

Quali alimenti hanno più probabilità di produrre infiammazioni cerebrali?

Secondo la biologa i due più potenti promotori dell’infiammazione nella nostra dieta moderna sono i carboidrati raffinati e gli oli vegetali raffinati.

Carboidrati raffinati e infiammazione

Spiega Georgia Ede: i carboidrati raffinati includono tutti gli zuccheri trasformati e gli amidi – zucchero, sciroppo di mais, succo di frutta, farina e la maggior parte dei cereali per la colazione sono solo alcuni degli alimenti di questa categoria.

I carboidrati raffinati causano innaturalmente picchi di zucchero nel sangue, che sono potenti promotori dell’ossidazione e dell’infiammazione. Quando le cellule sono inondate di troppo zucchero (glucosio) tutte in una volta, i percorsi chimici che usano per processare il glucosio si sovraccaricano, causando la fuoriuscita dei sottoprodotti dei radicali liberi nell’area circostante.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Oli vegetali e infiammazione

Gli oli “vegetali” sono oli estratti dai semi – soia, girasole, canola, mais -. Ci è stato insegnato che questi oli erano sani perché non contengono colesterolo, dice la biologa, hanno un basso contenuto di grassi saturi e provengono da piante, ma la verità è che non esistono in natura, richiedono metodi industriali e spesso solventi chimici per l’estrazione e sono caricati con acidi grassi omega-6. Gli acidi grassi Omega-6 promuovono l’infiammazione e combattono contro i preziosi acidi grassi omega-3 che il nostro cervello ha bisogno di sviluppare correttamente e funzionare correttamente ogni giorno. Gli oli vegetali di questo tipo si trovano in quasi tutti i prodotti alimentari trasformati in prodotti da forno, condimenti per insalate, patatine fritte, snack bar, zuppe, salse, cibi fritti, maionese, ecc.

Potrebbe essere che l’aumento di carboidrati raffinati e oli raffinati nella nostra dieta aiuta a spiegare l’aumento della malattia mentale nella nostra società? Alla domanda, inquietante, la dottoressa Ede, risponde con un’altra domanda: che ne dite di rimuoverli dalla dieta per vedere se vi sentite meglio?  Compito difficile per tutti noi, ancor di più per gli statunitensi la cui dieta è costituita per quasi 2/3 da cibi trasformati.

Ma la dieta Mediterranea aiuta

L’unica dieta che è stata sistematicamente testata sulle persone depresse è stata la dieta mediterranea, spiega la biologa nel suo articolo. E aggiunge che gli studi dimostrano che una dieta mediterranea può migliorare i sintomi della depressione rispetto alla media della dieta “occidentale” (potete leggere di più su uno di questi studi proprio qui su Psychology Today).