Nuova revisione auto: ora sul certificato vanno annotati chilometri percorsi

Cambiano le regole per la revisione auto. Un decreto del ministero delle Infrastrutture (il 19/5/2017, n.214) ha introdotto una novità importante, prevista nella direttiva 2014/45 sui controlli tecnici periodici degli autoveicoli.

La parte più interessante, proprio per il proliferare di truffe sul chilometraggio delle auto usate, è l’istituzione del Certificato di revisione che dovrà annotare la lettura del contachilometri al momento del controllo. Una vera e propria tutela per chi dovesse comperare successivamente il veicolo, dato che potrà facilmente capire se i dati presenti sul misuratore sono reali, semplicemente visionando l’ultimo certificato di revisione.

Non cambia la frequenza dei controlli, con il primo  da effettuare dopo quattro anni dall’immatricolazione e i successivi ogni due anni sempre. Non dovrebbero cambiare neppure le tariffe: 45 euro se la revisione avviene nelle sedi provinciali della Motorizzazione civile, oppure 66,88 euro se viene effettuata privatamente nei centri convenzionati.

 

Cosa fare se ci hanno venduto un’auto con contachilometri taroccato

L’auto con i chilometri taroccati, come rivalersi su un privato?