Cibo per gatti, i dieci miti da sfatare

Sono oltre 7 milioni le case italiane che ospitano un gatto, e tra le preoccupazioni principali dei loro padroni c’è quella di fornirgli un’adeguata alimentazione. Sul cibo per il felino domestico esistono diversi miti da sfatare. Ci prova il magazine francese 60 millions de consommateurs, che elenca una serie di convinzioni diffuse in merito, distinguendo tra vere e false.

Vero o falso?

Il luogo dove mangia il mio gatto è importante
VERO. Dovrebbe assolutamente sentirsi al sicuro, come in un luogo tranquillo, non di passaggio. Il gatto è estremamente sensibile agli odori, la sua ciotola deve essere pulita e tenuta lontana il più possibile dalla sua lettiera.

Posso lasciare una scorta di cibo nella ciotola, il mio gatto sa come regolarsi.
VERO E FALSO. Come i suoi antenati selvatici, i gatti domestici dividono la loro assunzione di cibo e possono fare da dieci a venti pasti al giorno, inclusa la notte. È solo una questione  di quantità e di apporto energetico.

Devo dargli patè o croccantini, ma mai entrambi alternati.
FALSO. La maggior parte dei veterinari ora consigliano la “bi-nutrizione”. Ad esempio, un piccolo sacchetto di cibo umido al mattino e alla sera, e durante il giorno una decina di grammi di croccantini.

E bene cambiare regolarmente le varietà di cibo.
FALSO. Niente lo impone. Tuttavia, se il gatto viene a variare il gusto, si ha il vantaggio di non rischiare di dargli un alimento quotidiano di scarsa qualità nutrizionale, e quindi si evitano carenze o problemi di digestione. Ad esempio, un gatto alimentato con croccantini fatti con molte carcasse (Residui di macellazione) e pochissima carne andrà facilmente incontro a stitichezza e rischia un’occlusione intestinale. Ma attenzione, un gatto troppo abituato al cambio menù, potrebbe snobbare il cibo se la varietà s’interrompe.

Il gusto è di primaria importanza perché apprezzi il cibo.
FALSO. Ciò che porta il gatto verso un alimento, è in primo luogo l’odore – il felino è cento volte più sensibile agli odori che noi, così come le sue papille gustative sono molto meno sviluppate. Anche la temperatura del cibo è importante. Va servito preferibilmente vicino alla temperatura corporea (38 ° C) – come le prede in natura – o a temperatura ambiente. Un leggero riscaldamento può promuovere l’assunzione di cibo in alcuni gatti. Il gatto sceglierà un alimento per la sua facilità di presa, la consistenza e, naturalmente, il gusto.

Essendo carnivoro, il gatto non può essere allergico alle proteine ​animali.
FALSO. Oltre a soffrire di intolleranze alimentari, come con l’amido contenuto in bocconcini o il lattosio, il gatto può essere allergico a certe proteine ​​(manzo, pollame …). I sintomi sono: disturbi della pelle (si gratta viso, collo, addome), arrossamento della pelle, diarrea. In questo caso, va consultato il veterinario che stabilirà un regime selettivo per determinare l’origine dell’allergia.

Se si sfrega o miagola vicino alla cucina significa che ha fame.
VERO E FALSO. Non sempre è così. Piuttosto il gatto comincia ad associare il suo atteggiamento alla risposta del padrone di casa che immediatamente gli serve il cibo.

Se ci sono diversi gatti in casa, ognuno deve avere la sua ciotola.
FALSO. A differenza dei cani, il pasto non è un valore sociale e il gatto non è soggetto alle regole gerarchiche. Rimane un cacciatore solitario e può condividere la sua ciotola. Tuttavia, due gatti della stessa famiglia possono non avere le stesse esigenze (a seconda della loro età, o di potenziali problemi di salute …).

Alcuni gatti hanno difficoltà con alcune forme di croccantini.
VERO. Per i gatti con la bocca schiacciata, come il persiano, il gesto fisico può essere difficile: se preferiscono un tipo di croccantini a un altro, può essere a causa della loro forma, e non del loro gusto.

I croccantini per gatti sono inutili.
FALSO. Fino alla fine della sua crescita – nove mesi – il gattino ha bisogno di una dieta ricca di proteine ​​e grassi, come ad esempio le donne in gravidanza o allattamento. Attenzione un cibo più ricco non significa doppie razioni!