Gli 11 spuntini da non dare mai al gatto

Avreste mai pensato che una caramella o un cioccolatino potrebbero mettere a rischio la vita del vostro gatto? E che una ciotola di latte potrebbe dargli problemi di stomaco? Sono undici gli alimenti che i veterinari sconsigliano per il nostro peloso amico. Vediamo quali

Avocado

Perché: foglie, frutto e semi contengono un principio tossico chiamato persin.

Disturbi: problemi gastrointestinali e problemi respiratori, in caso di assunzione eccessiva può provocare anche la morte.

 

Alcolici

Perché: hanno gli stessi effetti epatici e celebrali che hanno sull’uomo, con la differenza che sono sufficienti quantità molto minori per provocare seri disturbi.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Disturbi: possono provocare intossicazione, coma e nei casi più gravi la morte.

 

Caramelle e gomme

Perché: lo xilitolo, contenuto in molti di questi prodotti come dolcificante, è tossico per i gatti.

Disturbi: abbassamento livelli di glucosio nel sangue, depressione del sistema nervoso centrale, perdita di coordinazione e spasmi dopo 30 minuti dalla sua ingestione.

 

Cioccolato, cacao, caffè e the

Perché: caffeina, teobromina e teofillina, contenuti in questi alimenti, stimolano il sistema nervoso centrale e il cuore, inoltre non vengono ben metabolizzati dall’organismo del gatto. In particolare la teobromina può provocare intossicazione.

Disturbi: convulsioni, vomito, fino all’attacco cardiaco e nei casi peggiori, il decesso.

 

Cipolla, aglio ed erba cipollina

Perché: contengono solfossidi e disolfuri, composti chimici che possono danneggiare i globuli rossi.

Disturbi: l’assunzione prolungata nel tempo favorisce l’insorgere dell’anemia.

 

Fegato

Perché: in grandi quantità può causare tossicità della vitamina A, che colpisce i muscoli e le ossa, e deposito di rame nel fegato.

Disturbi: deformazione ossea, osteporosi, può portare alla morte.

 

Latte e suoi derivati

Perché: i gatti non sono in grado di digerire il lattosio, lo zucchero contenuto nel latte. Dunque meglio evitare o optare per prodotti specifici per i felini.

Disturbi: problemi digestivi, mal di pancia, diarrea.

 

Omogeneizzati per bambini

Perché: spesso negli omogeneizzati è presente la polvere di cipolla come aromatizzante, la cui minima quota può già essere responsabile di danni a livello eritrocitario.

Disturbi: vedi cipolla.

 

Ossa spolpate e/o ricoperte di grasso

Perché: le ossa sono troppo dure per i denti di un gatto e sono pericolose per l’apparato digerente; il grasso può causare problemi digestivi.

Disturbi: lacerazioni interne, ostruzioni, perforazioni e/o infezioni intestinali e soffocamento.

 

Pesce crudo

Perché: l’assunzione prolungata nel tempo provoca la distruzione della tiamina, una vitamina B essenziale per la salute del gatto.

Disturbi: problemi neurologici, convulsioni e coma.

 

Uovo crudo

Perché: può contenere salmonella, meglio servirlo cotto e poco spesso.

Disturbi: intossicazione, fino alla pancreatite.

 

 

https://testmagazine.it/2016/06/11/gli-otto-cibi-da-non-dare-mai-al-vostro-cane/9144/