Pfas nel ketchup: il test su 12 campioni

PFAS

La ong statunitense Mamavation ha portato in laboratorio 12 campioni di ketchup alla ricerca di pfas rilevando la contaminazione in oltre la metà del campione. La buona notizia è che la salsa Heinz, l’unica in vendita anche nel nostro paese, è risultata tra le migliori.

I pfas sono un gruppo di sostanze chimiche artificiali prodotte e utilizzate in tutto il mondo in vari settori industriali (ad es. tessile, prodotti per la casa, prodotti antincendio, automobilistico, alimentare, edile, elettronico). L’esposizione a queste sostanze chimiche può provocare effetti nocivi sulla salute e l’uomo può essere esposto ai pfas in vari modi, tra cui cibi dove tali sostanze sono presenti più frequentemente: acqua potabile, pesce, frutta, uova e prodotti a base di uova.

I ketchup migliori…

  • Heinz Classic Tomato Ketchup in bottiglia di vetro — non rilevabile
  • Heinz Individual Ketchup Packets (raccolti da In-N-Out) — non rilevabili
  • 365 Whole Foods Market Tomato Ketchup — non rilevabile
  • Ketchup di pomodoro certificato biologico Heinz — non rilevabile

…e quelli peggiori

  • Ketchup biologico di Annie — 13 parti per milione (ppm) di fluoro
  • FODY Ketchup — 13 parti per milione (ppm) di fluoro (anche la plastica è stata testata e non è stata rilevata)
  • Ketchup di Hunt – 12 parti per milione (ppm) di fluoro (anche la plastica è stata testata ed è tornata non rilevata)
  • Organicville Made With Agave Nectar Ketchup – 15 parti per milione (ppm) di fluoro
  • Ketchup biologico e non zuccherato Primal Kitchen — 15 parti per milione (ppm) di fluoro
  • Ketchup classico di Sir Kensington — 18 parti per milione (ppm) di fluoro
  • Ketchup di Trader Joe – 11 parti per milione (ppm) di fluoro (anche la plastica è stata testata ed è tornata non rilevata)
  • Ketchup vegetariano True Made Foods — 16 parti per milione (ppm) di fluoro

La ong ha indagato anche le possibili cause della contaminazione:

Attrezzature di produzione: a volte le attrezzature di produzione, come le palette utilizzate per mescolare una formulazione o i nastri trasportatori, sono coperte o realizzate con prodotti chimici in teflon “antiaderenti” per evitare che i lotti del prodotto si attacchino alle attrezzature e quindi facilitarne la pulizia. Queste sostanze chimiche possono rilasciare pfas nel prodotto in quantità ben al di sotto di 30 ppm.

Plastica: i produttori di plastica a volte fluorurano la plastica in polietilene e polipropilene per evitare che la stessa si deformi con il tempo.

Prodotti per la pulizia: a volte i produttori utilizzano prodotti per la pulizia che sono pieni di diversi tipi di sostanze chimiche a base di fluoro come fluoruro di potassio, fluoruro di sodio, fluoruro di alluminio e tracce di tali sostanze chimiche possono fuoriuscire in un lotto di prodotti inferiori a 30 ppm.

Sostanze chimiche per la lubrificazione: a volte le sostanze chimiche PFAS approvate dalla FDA approvate come “additivi indiretti” vengono spruzzate sulle apparecchiature di produzione per consentire ai lotti di passare più rapidamente attraverso la macchina. Quando ciò accade, a volte tracce di tali sostanze chimiche possono trovarsi nel prodotto a livelli inferiori a 30 ppm.

Prodotti farmaceutici fluorurati (e prodotti agrochimici): alcuni prodotti farmaceutici fluorurati (e prodotti agrochimici) possono contaminare l’acqua e, di conseguenza, i prodotti agricoli entrando così nella filiera alimentare.