Due porzioni di noci a settimana aiutano le donne a invecchiare meglio

Le donne tra i 50 e i 60 anni che consumano almeno due porzioni di noci alla settimana (una porzione è stata calcolata in 28 grammi) hanno una “maggiore probabilità” di invecchiamento in buona salute rispetto a chi non le consuma. A dirlo è un nuovo studio epidemiologico, pubblicato sul Journal of Aging Research, che ha definito l’invecchiamento in buona salute come “longevità con sana salute mentale e assenza di gravi malattie croniche, problemi cognitivi o menomazioni fisiche” dopo i 65 anni.

Lo studio

FoodNavigator riporta la notizia: “La ricercatrice primaria Dr. Francine Grodstein ha esaminato i dati di 33.931 donne dello Nurses ‘Health Study (NHS) per valutare l’associazione tra consumo di nocciole e salute generale e benessere nell’invecchiamento”. Tra il 1998 e il 2002, alle infermiere inserite nello studio sono state poste domande sulla loro dieta, incluso il consumo totale di noci. Sono stati quindi valutati per malattie croniche come cancro, infarto, insufficienza cardiaca, ictus, diabete di tipo 2 e morbo di Parkinson. I partecipanti sono stati anche valutati per problemi di memoria, salute mentale e limitazioni fisiche, comprese le attività quotidiane. Il 16% è risultato “ager in buona salute”, il resto classificato come “invecchiamento abituale”.

E gli altri tipi di frutta secca?

I ricercatori spiegano: “Quando abbiamo esaminato la relazione tra consumo di noci durante la mezza età e successive probabilità di invecchiamento in buona salute, abbiamo osservato una significativa associazione tra l’assunzione totale di noci e maggiori probabilità di invecchiamento in buona salute”. Lo studio ha incluso anche il tipo di frutta a guscio – esaminando in particolare il consumo di arachidi, burro di arachidi, noci di vario tipo. Quando i ricercatori hanno messo a nudo vari fattori che potrebbero avere un impatto sulla salute negli anziani, dall’istruzione ai livelli di attività fisica, hanno notato che le noci erano “le uniche frutte secche” associate a “probabilità significativamente migliori” di un invecchiamento in buona salute.

Una dieta a basso costo che aiuta nel tempo

“Abbiamo scoperto che il consumo di frutta a guscio durante la mezza età era correlato a una maggiore probabilità di salute e benessere generale in età avanzata. L’associazione era particolarmente robusta per le noci, una fonte di acido alfa-linolenico ed ellagitannini” chiariscono gli studiosi, “i nostri risultati supportano l’idea che il consumo a lungo termine di noci, un intervento dietetico a basso costo, meriti un’ulteriore conferma come strategia che contribuisce a una vita più sana”.  Tuttavia, il gruppo di ricerca ha notato alcune limitazioni allo studio osservazionale, basato sull’assunzione dietetica riportata, in quanto ha esaminato solo i risultati per le donne e non ha dimostrato causa ed effetto.