Glifosato, il Lussemburgo annuncia il divieto d’uso dal 2021

Il Lussemburgo vieterà l’uso dell’erbicida, glifosato, dal 1 ° gennaio 2021. Il governo sta, infatti, lavorando a un programma di uscita e sta cercando alternative. E’ quanto ha affermato il ministro dell’agricoltura del paese, Romain Schneider. Il Lussemburgo diventa il quarto paese europeo a fissare una scadenza nazionale per la fine dell’uso del glifosato. A luglio, il Parlamento austriaco ha votato per un divieto dal 1 ° gennaio 2020. All’inizio di questo mese, la Germania ha deciso di vietare l’uso dell’erbicida dal 31 dicembre 2023. La Francia prevede di porre fine alla “maggior parte degli usi” del glifosato nel 2021.

Il ministro Schneider spiega che “al momento non esiste ancora un sostituto del glifosato sul mercato”: non utilizzare l’erbicida nei campi comporta un calo della produzione. Le conclusioni del ministro provengono da esperimenti sul campo condotti a Bettendorf. Il governo sta inoltre valutando i modi per convertire il 20% delle terre agricole del paese in agricoltura biologica dall’attuale percentuale, che è compresa tra il 4,6% e il 4,8%.

Qui l’elenco di tutti i paesi dove è in vigore un divieto totale o parziale