Troppo sale nei cibi causa 4mila morti all’anno

Ancora troppo sale nei cibi confezionati. Solo il 52% delle aziende alimentari inglesi hanno raggiunto l’obiettivo di ridurre il sodio nei cibi e piatti pronti. Lo rivela il rapporto della Public Health England (Phe), l’Agenzia di salute pubblica britannica che monitora l’impegno richiesto dal governo all’industria alimentare e della distribuzione nel 2014 per abbassare la percentuale di sale per arrivare ai 6 g al giorno come raccomandato dall’Oms.

Ma il mancato raggiungimento degli obiettivi triennali, secondo la Ong Action on salt ha un costo sociale e sanitario elevatissimo: “Il nuovo rapporto della Phe conferma ciò che sappiamo già, ovvero che gli obiettivi volontari richiedono un monitoraggio e una guida completi, ma questo è stato completamente carente da parte della stessa Phe. Di conseguenza, migliaia di inutili ictus e infarti si sono verificati e miliardi di sterline sprecate dal servizio sanitario nazionale e tragicamente si sono verificati più di 4.000 morti premature all’anno”.

Risultati contrastanti

L’obiettivo da raggiungere dal 2014 al 2017 riguardava 28 categorie di alimenti per l’industria alimentare. Un analogo impegno è stato richiesto nel triennio anche alle aziende della ristorazione, privata e collettiva, ai caffè e alle catene di pub, e le categorie includono il pane, le patatine e i piatti pronti. Alle aziende alimentari è stato chiesto di raggiungere obiettivi medi e massimi per il contenuto di sale per 100 g, con gli obiettivi massimi compresi tra 0,13 g nelle verdure in scatola e 3,75 g nelle piatti al curry. Gli alimenti monitorati dal programma della Phe forniscono più della metà del sale nella dieta nazionale.

Tutti gli obiettivi di riduzione del sale  sono stati raggiunti in 9 categorie di alimenti, compresi i cereali per la colazione e le verdure in scatola, tuttavia i prodotti a base di carne non hanno soddisfatto nessuno di questi obiettivi. In media poco più della metà (52%) di tutti gli obiettivi di riduzione del sale sono stati raggiunti e, mentre i ristoratori hanno soddisfatto il 73% degli obiettivi, i le aziende alimentari si sono fermate al 37%.

Traguardo a 6 grammi

L’eccessiva assunzione di sale può causare l’ipertensione, che può portare a malattie cardiovascolari, una delle principali cause di morte prematura per gli adulti in Europa.
Da quando è stato istituito nel Regno Unito, il programma di riduzione del sale ha contribuito a ridurre l’assunzione di sale della nazione dell’11%, a 8 grammi al giorno. Se questa cifra fosse avvicinata ai 6 grammi raccomandati al giorno, potrebbe aiutare a prevenire migliaia di morti evitabili.