Le dieci cose che non sai sulle zanzare (ma che vorresti sapere)

Eccole! Puntuali come ogni estate arrivano le zanzare a disturbare i nostri sonni e non solo. Ma al di là delle punture, le zanzare sono utili per l’ecosistema? Perché pungono alcune persone  altre no? e perché i loro morsi danno così tanto prurito? Franceinfo con l’aiuto di entomologo ha risposto alle dieci domande più comuni su questi insetti così fastidiosi.

1.Oltre a pungere, le zanzare servono a qualcosa?

“Le zanzare hanno un ruolo nell’ecosistema”  spiega Jean-Baptiste Ferré, entomologo di EID Mediterranean. Tutte le larve di zanzara sono acquatiche e, quindi, si trovano all’inizio della catena alimentare e possono essere utilizzate come cibo per altri animali, come larve di libellula, pesci o rane. Le zanzare sono anche impollinatori, come le api o i bombi. “Quando non si nutrono di sangue, mangiano succhi vegetali, come le farfalle”, spiega Jean-Baptiste Ferré. È andando a prendere il nettare, da un fiore all’altro, che giocheranno questo ruolo essenziale per la riproduzione delle piante.

2.Perché i loro morsi danno prurito?

Quando punge, l’insetto inietta saliva che contiene diverse proteine, con proprietà anestetiche e anticoagulanti. “I corpi reagiscono in maniera differente all’iniezione di questi corpi estranei” aggiunge l’entomologo che continua Quando non sei abituato a questo o quel corpo estraneo, reagirai con un prurito più intenso”. Una buona regole è quella di non grattare la puntura perché “con le dita che non sono pulite, reintroduciamo la sporcizia nella ferita”.

3.Come si allevia il prurito?

Può essere utile applicare la saliva o l’aceto sul punto di puntura oppure utilizzare i cubetti di ghiaccio per alleviare il desiderio di grattarsi. Anche il calore può avere lo stesso effetto, proprio come l’olio essenziale di lavanda, l’interno di una buccia di banana o il bicarbonato di sodio su un impacco (con una diluizione di tre cucchiai per 100 ml di acqua).

4.Una zanzare può pungerci diverse volte durante la notte?

Sì. Ma non immaginate un’orda di zanzare che si accaniscono su di voi. “Se al mattino ti svegli con 20 punture di zanzara è perché una o due zanzare sono state nella stanza”, dice Jean -Baptiste Ferré. A volte la cosa migliore è lasciare che la zanzare ci punga perché “quando è piena di sangue – parliamo di pochi microlitri – la zanzara se ne andrà, il suo stomaco non è infinitamente espandibile e se prende troppo sangue, non può più volare” , dice specialista.

Inoltre, “sono solo le zanzare femmine che prendono il sangue, perché ne hanno bisogno per la maturazione delle loro uova”. Una femmina adulta morde ogni tre o quattro giorni, e può deporre, dopo ogni boccone, fino a 300 uova.

5.Le zanzare possono essere portatori di malattie?

“Non proprio “, dice Jean-Baptiste Ferré. “Le zanzare possono essere vettori di virus ma, nativamente, non sono portatori. Diventeranno così se qualcuno nel tuo ambiente o nel tuo vicinato è tornato da zone dove circolano tali malattie. tropicale, e se la zanzara li punge “.

6.Perché alcune zanzare pungono più di altre?

Difficile rispondere a questa domanda. Le zanzare sono attratte dal biossido di carbonio (CO2) che viene rilasciato dalla respirazione. Questo gli permette di individuare un animale fino a 30 metri. Non solo. Alcuni odori corporei attraggono più di altri. “Tutti hanno un diverso cocktail di batteri, quindi non attraiamo necessariamente le zanzare allo stesso modo”, afferma Jean-Baptiste Ferré. Una cosa è certa, tuttavia: “Dobbiamo dimenticare questa storia di sangue dolce che attira le zanzare”. Anche la temperatura corporea è un criterio importante. “Quando si è malati o in stato di gravidanza, la temperatura del nostro corpo è un pò più alta, quindi attrae più zanzare”, sostiene l’entomologo.

7.Come proteggersi dalle zanzare?

Se sei spesso punto dentro casa, la soluzione migliore è installare le zanzariere alle finestre. All’aperto, invece, la difesa è più complicata. Una zanzara ha un’attività variabile durante il giorno e non tutte le specie sono attive contemporaneamente. Generalmente, le zanzare riposano il giorno. Stanno all’ombra nelle praterie dove c’è dell’umidità, perché temono il caldo troppo forte che potrebbe asciugarle o ucciderle.

“Alla fine della giornata, la temperatura diminuisce e l’umidità atmosferica aumenta: condizioni perfette per volare” , spiega lo specialista. In breve: al tramonto, le zanzare cercano un “pasto di sangue” e il rischio di essere punti è molto alto. “Dobbiamo evitare di essere fuori in questi orari” consiglia Jean-Baptiste Ferré.

8.Olii essenziali, spray e zampironi…cosa funziona meglio?

“Gli anti-zanzare che contengono un’insetticida della famiglia dei piretroidi sono estremamente efficaci” , secondo Que Choisir . “I diffusori elettrici che si collegano a una presa di corrente sono talvolta efficaci, a volte meno”, afferma la rivista. “L’acquisto casuale in negozio basandosi su ingredienti non garantisce l’efficienza.”

In terrazza può esser efficace l’uso dello zampirone: “Prima del pasto, puoi accenderne due sulla terrazza dove andrai a mangiare, questo manterrà via le zanzare e eviterete di avere le emanazioni mentre siete al tavolo.” Sugli oli essenziali, invece, l’entomologo è più cauto: “Si tratta di molecole estremamente volatili e richiede frequenti rinnovi delle applicazioni perché ciò sia efficace”.

Leggi anche:  I repellenti “naturali” contro le zanzare che funzionano davvero

Leggi anche: La lotta alle zanzare si può vincere così

9.I repellenti sono dannosi per la salute?

Il DEET non deve essere confuso con il DDT, un pesticida usato massicciamente a metà del XX secolo e vietato in Francia dal 1971 a causa della sua elevata tossicità ma ciò non ci autorizza ad abusare di prodotti a base di DEET:  nel 2009 uno studio ha dimostrato che la molecola potrebbe essere tossica per il sistema nervoso dei mammiferi. È quindi necessario seguire scrupolosamente le raccomandazioni sulle bottiglie e sui flaconi, in particolare per quanto riguarda il lasso di tempo tra ogni applicazione, nonché il numero massimo di applicazioni al giorno.

10. L’aria condizionata respinge davvero le zanzare?

Sì, è anche piuttosto efficace. “L’aria condizionata crea una significativa differenza di temperatura tra l’esterno e l’interno, e come molti insetti, le zanzare fanno fatica a regolare la loro temperatura e quindi rischiano uno shock termico”, spiega Jean-Baptiste Ferré.