Curcuma ed epatite: ministero della Salute richiama altri due integratori

Il ministero della Salute ha comunicato il richiamo dal mercato di altri due integratori a base di curcuma. Si tratta di:

  • Rubigen curcuma e piperina – lotto 210219 scadenza febbraio 2022 – Naturfarma
  • Versalis Curcumina, Boswellia e Bromelina (bustine) lotto I0187 scadenza 1/2022 prodotto da Geofarma Srl

Gli integratori segnalati dal ministero della Salute salgono così a 23 mentre i casi di epatite sono 19. A questo riguardo c’è da fare una precisazione: non tutti gli integratori che il ministero della Salute ha individuato essere responsabili dei casi di epatite sono stati poi richiamati dal mercato. I motivi non sono chiari ma con ogni probabilità tale discrepanza è dovuta ad una mancanza di individuazione univoca del lotto consumato dalla persona che poi ha contratto l’epatite. In ogni caso di seguito vi indichiamo la lista degli integratori NON richiamati dal mercato (ma che comunque è certo che sono stati associati ad uno o più casi di epatite):

  • Versalis – lotto I 0187 scadenza 01/2022 – Geofarma s.r.l. – prodotto da Labomar s.r.l
  • Curcumin+piperin – Vegavero – prodotto da Vanatari International GMBH, Berlino
  • Curcuma complex B.A.I. aromatici per conto di Vitamin shop
  • Tumercur Sanandrea
  • MOVART – lotto M70349 scadenza 08/2019 – Scharper SpA, Farmaceutici Procemsa spa Nichelino
  • Curcuma Meriva 95% 520mg Piperina 5 mg Farmacia dr. Ragazzi, Malcontenta
  • Curcuma “Buoni di natura” Terra e Sole
  • Curcumina Plus 95%, lotto 18L823 NI.VA prodotto da Frama 10/2021
  • Curcumina 95% Kline lotto 18M861 NI.VA prodotto da Frama 11/2021
  • Curcuma liposomiale più pepe nero – lotto 1810224, scadenza 10/21, prodotto da LABORATORIES NUTRIMEA con sede e stabilimento di produzione rue des Petits Champs 20, FR 75002, Parigi
  • Tendisulfur Forte bustine – Laborest Italia s.r.l. prodotto da Nutrilinea s.r.l.

 

Nel nuovo numero del Salvagente il TEST ESCLUSIVO sul BIOSSIDO DI TITANIO: lo abbiamo trovato nascosto in NANOPARTICELLE in gomme da masticare, dolci, farmaci. Con quali effetti? In più, CIBO VEGAN, meglio o peggio del tradizionale? Il nostro confronto. Potete scaricare il giornale qui

Gli integratori ritirati dal mercato, invece, sono i seguenti:

  • Cartijoint Forte 20 Compresse a base di Gucosammina cloridrato, Condroitin solfato, Bio-Curcumin BCM lotto 24/18 prodotto dalla Fidia Farmaceutici Spa
  • Movart (30 compresse) prodotto da Farmaceutici Procemsa Il lotto interessato è il numero M70349 (scadenza 8.2019)
  • Good Joint Benessere Pharma, in confezione da 120 compresse (96 grammi) con il numero di lotto 190503 e la scadenza 05/2023 (Benessere Pharma S.r.l.)
  • Curcuma Max Naturetica, in confezione da 30 capsule (19,5 grammi) con il numero di lotto 181214 e la scadenza 12/2022 (Naturetica Bielli S.a.s.)
  • Curcuma Max Naturetica, in confezione da 60 capsule (39 grammi) con il numero di lotto 181210 e la scadenza 12/2022 (Naturetica Bielli S.a.s.)
  • ArtDol Naturetica, in confezione da 30 tavolette (32,85 grammi) con il numero di lotto 18N142 e la scadenza 12/2022 (Naturetica Bielli S.a.s.)
  • Rubigen curcuma e piperina – lotto 250119 – Naturfarma
  • Curcuma 95% Maximum lotto 18L264 scadenza 10/2021 prodotto da EKAPPA LABORATORI srl per conto di Naturando S.r.l.
  • Curcumina Plus 95% piperina [email protected] lotto 2077-LOT 19B914 NI.VA prodotto da Frama
  • Curcumina Plus 95% piperina [email protected] 18C590 NI.VA prodotto da Frama
  • Piperina e Curcuma plus  HTF Group San Marino –  lotto 2379 – prodotto da ALSA LAB

Dei 19 casi di epatite segnalati fino ad oggi, 5 di questi casi si sono verificati in Toscana motivo per cui il Centro Regionale Toscano di Farmacovigilanza sta approfondendo lo studio di questi casi, in stretta collaborazione con il Centro di Riferimento Regionale Toscano per la Fitoterapia e con il Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute dell’Istituto Superiore di Sanità. Sono in corso, allo stesso tempo, verifiche da parte del ministero proprio per studiare la situazione e soprattutto individuare da dove parte la contaminazione. Ovviamente il ministero “raccomanda ai consumatori, anche in caso di acquisti on-line, di non consumare i lotti dei prodotti richiamati”.