Cosa fare (e cosa evitare) in caso di emergenza, il manuale salvavita

Quando assisti a un’emergenza medica, a casa tua o in strada, cosa puoi fare per aiutare? Chiamare il 112, il numero unico di emergenze europee, è ovviamente il primo passo, ma in molti casi anche uno spettatore inesperto può fornire assistenza che può aiutare a salvare una vita.
“È importante sapere che puoi fare qualcosa anche se non sei addestrato a gestire l’emergenza”, spiega Consumerreports.org, il portale della più grande associazione consumatori nordamericana, Jeffrey L. Pellegrino, Ph.D., professore di scienze della salute all’Aultman College di Canton, Ohio. Per aiutare a fare la cosa giusta (ed evitare di fare qualcosa che potrebbe causare più danni) in una varietà di scenari di emergenza, il sito ha pubblicato alcuni consigli di base raccolti da esperti di medicina d’emergenza.

SVENIMENTI

Se sei con qualcuno che improvvisamente si sente stordito e potrebbe svenire (o se ti senti così da solo), ci sono due cose che puoi fare.
“Primo, mettili sdraiati, non solo seduti ma completamente orizzontali”, dice Eunice Singletary, M.D., membro del Consiglio consultivo americano della Croce Rossa. “Altrimenti, c’è il rischio di caduta e di ferite.”
L’altra cosa da provare è una tecnica chiamata “manovra di contropressione fisica”. Se qualcuno è già svenuto, stringere la mano con forza; se invece si sente come se potesse svenire, istruiscilo a stringere le sue stesse mani o a incrociare le gambe e stringere forte le sue cosce.
“Aiuta a spingere indietro il sangue nella testa, alzando la pressione sanguigna e risolvendo lo stordimento”, dice Singletary.

ATTACCO EPILETTICO

Non puoi impedire a qualcuno di avere un attacco, ma puoi aiutarlo a stare al sicuro, portandolo a terra e circondandolo con cuscini o altre imbottiture.
“La forza di un attacco può essere tremenda”, afferma Latha Ganti, M.D., professore di medicina d’urgenza e neurologia presso l’Università della Florida Centrale di Medicina, “quindi è importante proteggere la testa”.
Una volta che l’attacco è terminato, capovolgi la persona “nella posizione di recupero”, dice Singletary.
Dopo un attacco, la lingua di una persona può diventare molle e ricadere nelle sue vie aeree se è supina. Girandola dalla sua parte, la si aiuta a respirare meglio.

EMORRAGIA

Se qualcuno si taglia profondamente, la prima cosa che puoi fare è scoprire esattamente da dove viene il sangue e valutare quanto sanguina.
“Potrebbe essere necessario rimuovere gli indumenti se c’è molto sangue per vedere la fonte del sanguinamento”, dice Ganti.
Non è più raccomandato alzare l’arto sanguinante. È più importante esercitare una forte e diretta pressione sulla ferita (difficile se viene sollevata). Se possibile, posiziona l’area che sta sanguinando su una superficie dura e usa il palmo della mano per applicare una pressione pesante e diretta sulla ferita.
Se non hai guanti a portata di mano, Singletary consiglia di posizionare un sacchetto di plastica o uno strato di pellicola trasparente tra la tua mano e il taglio.
Se la pressione diretta non aiuta a fermare il flusso di sangue, la ferita può richiedere un laccio emostatico. Hai bisogno di metterlo 2 pollici sopra il sanguinamento e stringere fino a quando comprime l’arteria e arresta il sanguinamento.

“Se non hai un kit di pronto soccorso con un laccio emostatico, puoi improvvisare”, dice Ganti. “Una cintura di pelle, una sciarpa, una corda elastica: tutto ciò che puoi avvolgere attorno all’arto e stringere.”

ICTUS

La regola generale per l’ictus è che “il tempo è tessuto cerebrale”, il che significa che la cosa più importante che un terzo può fare è riconoscere che qualcuno sta avendo un ictus e portarlo in una struttura sanitaria di emergenza il più rapidamente possibile.
Gli americani usano l’acronimo FAST per valutare un possibile ictus. “F” sta per abbassamento facciale, “A” per debolezza del braccio, “S” per discorsi insensati o difficoltà a parlare – ognuno di questi significa “T”: è ora di chiamare il 112..
Puoi anche aiutare ad accelerare il tempo impiegato dai primi soccorritori per prendere le misure appropriate lasciando che il l’operatore sappia che hai fatto FAST e sospetti un ictus.

ATTACCO DI CUORE

Se qualcuno sta avendo dolori al petto o altri sintomi di un infarto (ad es. dolore alla mascella, mancanza di respiro, nausea), la prima cosa è dirle di sedersi. “Non lasciare che si muovano, perché il minimo sforzo potrebbe peggiorare la situazione”, dice Singletary.
Quindi, se è disponibile l’aspirina, darle una dose completa di 325 mg (o quattro compresse di aspirina a basse dosi) e farla masticare. “Se ingerisci pillole intere ci vogliono 12 minuti prima che siano assorbite e inizino a funzionare, ma se mastichi le pillole, ci vogliono solo 4 minuti”, dice l’esperto.

ARRESTO CARDIACO

Se il cuore di qualcuno ha smesso di battere, devi iniziare immediatamente la rianimazione cardiopolmonare.

Gli esperti consultati da Consumer Reporst suggeriscono di iniziarlo ogni volta che qualcuno è incosciente e insensibile. “Non preoccuparti della respirazione, inizia a fare delle buone compressioni toraciche, 2 pollici di profondità, 100 al minuto “, consiglia Ganti. Nella maggior parte dei casi, questo approccio a mani libere, ha dimostrato di essere altrettanto efficace di quello con respirazione di rianimazione, ed è molto più semplice.

Se c’è un defibrillatore automatico leggere le istruzioni e applicarlo mentre si continuano le compressioni. “Non aver paura di usarlo “, dice Pellegrino. “Le macchine sono intelligenti e le istruzioni sono molto intuitive”. Questi apparecchi automatici debbono solamente essere collegati al torace del paziente ed essere accesi. A differenza dei defibrillatori semiautomatici esterni, infatti, una volta riconosciuto lo stato di arresto cardiaco, procedono in autonomia all’erogazione di scariche al cuore del paziente.

Altre cose che puoi fare: avere sempre il cellulare a portata di mano. Mettilo in vivavoce e chiama subito il 112. Quindi lascia il telefono nelle vicinanze in modo da poter continuare a comunicare con l’operatore fino all’arrivo dell’aiuto. “Gli addetti riescono a guidarvi con successo su cosa fare in una varietà di situazioni di emergenza”, afferma Pellegrino.